Energia

Johann Pachelbel – Preludio in Re Minore

Alessio Benvenuti, organo
Image is not available

Nello stile di Pachelbel la cantabilità delle melodie e la semplicità armonica sono segno della sua vicinanza allo stile italiano.

G.F. Handel – Concertino in Sol minore

Alessio Benvenuti, organo
Image is not available

Alessio Benvenuti G.F. Handel – Concertino in Sol minore

Johann Sebastian Bach – Giga dalla Partita n. 3 per violino solo

Alessio Benvenuti, violino
Image is not available

Alessio Benvenuti - Johann Sebastian Bach – Giga dalla Partita n. 3 per violino solo

Astor Piazzolla – Escualo

Luca Provenzani, violoncello e Fabiana Barbini, pianoforte
Luca Provenzani

Astor Piazzolla – Escualo

Giovanni Battista Sammartini - Allegro dalla sonata in sol maggiore per violoncello e basso continuo (III tempo)

Luca Provenzani, violoncello e Amerigo Bernardi, contrabbasso
Luca Provenzani

Giovanni Battista Sammartini - Allegro dalla sonata in sol maggiore per violoncello e basso continuo (III tempo)

Claude Bolling - dalla Suite per Flauto e Piano Jazz Trio: Veloce

Paolo Zampini, flauto e Primo Oliva, pianoforte
Luca Provenzani

Giovanni Battista Sammartini - Allegro dalla sonata in sol maggiore per violoncello e basso continuo (III tempo)

J.S. Bach - Giga dalla Suite n.3 per violoncello solo in Do maggiore BWV 100

Luca Provenzani, violoncello
Luca Provenzani

J.S. Bach - Giga dalla Suite n.3 per violoncello solo in Do maggiore BWV 100

Johann Sebastian Bach
Toccata "dorica" BWV 538

Guido Morini - organo
Luca Provenzani

Johann Sebastian Bach
Toccata "dorica" BWV 538

Georg Friedrich Händel
Aria con variazioni dalla Suite n.5

Patrizia Varone - clavicembalo
Luca Provenzani

Georg Friedrich Händel
Aria con variazioni dalla Suite n.5

Rossana Casale (G.Morra - M. Fabrizio)
A Che Servono gli Dei

Lorenza Baudo - voce
Paolo Batistini - chitarra
Luca Provenzani

Rossana Casale (G.Morra - M. Fabrizio)
A Che Servono gli Dei

Antonín Dvořák
Three Slavonic Dances

Michele Marasco - flautista e concertatore
Alice Lessmann, Erica Campedelli, Maria Carla Zelocchi - flauti
Marta Cencini - pianoforte
Luca Provenzani

Antonín Dvořák
Three Slavonic Dances

Vittorio Monti
Ciarda

Alessio Benvenuti - violino
Fabiana Barbini - pianoforte
Luca Provenzani

Vittorio Monti
Ciarda

Robert Schumann
dai Fantasiestuke op.12
n.2, "Slancio"

Vera Cecino - pianoforte
Luca Provenzani

Robert Schumann
dai Fantasiestuke op.12
n.2, "Slancio"

Johannes Brahms
Scherzo in do minore per violino e pianoforte
dalla Sonata F.A.E."

Virginia Ceri - violino
Francesca Giovanelli - pianoforte
Luca Provenzani

Johannes Brahms
Scherzo in do minore per violino e pianoforte
dalla Sonata F.A.E.

Robert Schumann
Florestan - passionato
da Carnaval op.9

Alessandro Del Gobbo - pianoforte
Luca Provenzani

Robert Schumann
Florestan - passionato
da Carnaval op.9

Erwin Schulhoff
4° movimento dalla Sonata per flauto e pianoforte

Andrea Pasquini - flauto
Matteo Canalicchio - pianoforte
Luca Provenzani

Erwin Schulhoff
4° movimento dalla Sonata per flauto e pianoforte

Tradizionale
Il Trescone

Roberta Malavolti - violino
Sabrina Malavolti - clarinetto
Debora Tempestini - pianoforte
Luca Provenzani

Tradizionale
Il Trescone

Astor Piazzolla
Summit

Trio Summit
Riccardo Guazzini - saxofoni
Claudio Cavalieri - violino
Gloria Mazzi - pianoforte
Luca Provenzani

Astor Piazzolla
Summit

previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow
PlayPause
Slider

Definizione

L’energia è la grandezza fisica che misura la capacità di un corpo o di un sistema fisico di compiere lavoro, a prescindere dal fatto che tale lavoro sia o possa essere effettivamente svolto.

Il termine energia deriva dal tardo latino energīa, a sua volta tratto dal greco ἐνέργεια (enérgeia), derivato di ἐνεργής (o l’equivalente ἐνεργός), ‘attivo’, composto dalla particella intensiva en e ἔργον (ergon, ‘lavoro’, ‘opera’). Il termine è stato introdotto da Aristotele in ambito filosofico per distinguere la δύναμις (dýnamis), la possibilità, la “potenza” propria della materia informe, dalla reale capacità (ἐνέργεια) di far assumere in atto realtà formale alle cose.[3]

La parola italiana “energia” non è direttamente derivata dal latino, ma è ripresa nel XV secolo dal francese énergie. «In Francia énergie è usato dal XV secolo nel senso di “forza in azione”, con vocabolo direttamente derivato dal latino, mai con significato fisico. In Inghilterra nel 1599 energy è sinonimo di “forza o vigore di espressione”. Thomas Young è il primo a usare, nel 1807, il termine energy in senso moderno»[5]

Il concetto di energia può emergere intuitivamente dall’osservazione sperimentale che la capacità di un sistema fisico di compiere lavoro diminuisce a mano a mano che questo viene prodotto. In questo senso l’energia può essere definita come una proprietà posseduta dal sistema che può essere scambiata fra i corpi attraverso il lavoro

Video

In questo video potete vedere l’esibizione di Luca Provenzani.